giovedì 4 agosto 2011

Ricomincio da 4

Ho iniziato il primo blog 3 anni fa. Fu una delle decisioni prese dopo essere stato alla Fiera di Pordenone nel 2008, che per qualche motivo mi era stata di grande ispirazione per diverse attività di sperimentazione radio.
Le motivazioni per iniziare un blog erano essenzialmente tre:
  • Avere un posto dove conservare il tempo, quello dedicato a questa attività, così prezioso perchè poco e ricavato con fatica dalle mille priorità e impegni di lavoro e familiari. Merita non perderne traccia. In più, è utile anche rendersi conto di quante cose sono riuscito a portare a termine nonostante tutto, per non deprimersi troppo quando sembra che non ci sia mai spazio per niente.
  • Essere di ispirazione ad altri. Questo potrebbe sembrare ambizioso, tuttavia la rete è inevitabilmente diffusiva e raggiunge tante persone, anche involontariamente, con effetti che non sempre sono prevedibili o banali. Basti pensare ai contatti creati con la pubblicazione della sperimentazione di GNURadio. Se anche uno solo si interessareà di sperimenazione wireless, avrò avuto ragione.
  • Dimostrare che la sperimentazione a radiofrequenza non è morta. Questa è stata la reazione al lamento ozioso degli schiavi del legacy, quelli che ritengono che la sperimentazione radio sia morta perchè non è più quella che conoscevano 30 anni fa, come se la sperimentazione debba incessantemente ripetersi uguale a sé stessa. Non si rendono conto della contraddizione in termini in cui cadono e fanno cadere gli altri, chiudendo ingiustamente opportunità di auto-apprendimento.
A riscriverle, queste motivazioni mi sembrano ancora del tutto valide. Tuttavia qualcosa mi spinge, adesso, a fissare un punto di cambiamento, non tanto di motivazioni, ma di condizioni in cui esse si muovono. C'è ora un cambiamento nella mia vita, così importante da influenzare pesantemente i modi in cui riuscirò a proseguire la mia sperimentazione.
Questo evento importante è il mio trasferimento a Modena. Dal mese di Luglio mi trovo nel capoluogo emiliano perchè ho cambiato lavoro e la nuova società è lì. Ci sarebbero stati anche altri modi per lavorare per essa e rimanere a Roma (cioè, a Monterotondo) ma insieme a Sara abbiamo deciso di provare un cambiamento netto, che dia maggiori opportunità rispetto al panorama sovraffollato, disordinato e desolante della Capitale del casino.
Sotto certi aspetti ho fatto un salto nell'ignoto e sicuramente ho preso dei rischi, che solo la fiducia nel mio istinto (speriamo non malriposta, stavolta) ha permesso di accettare - e, da bravo project manager, gestire...

Cambiare frequenza, nel codice telegrafico internazionale si indica con QSY. Nel tempo questa sigla è stata usata, nel gergo dei radioamatori, per indicare anche cambi di luogo, dai viaggi fino ai trasferimenti veri e propri. La mia QSY, quindi è nella zona 4, l'Emilia Romagna, una delle dieci aree in cui è divisa l'Italia in termini di assegnazione dei nominativi di stazione. Questa QSY in zona 4 sarà inevitabilmente il nome del mio nuovo blog.
Come ho scritto prima, le motivazioni fondamentali per un blog sono le stesse, perciò non ci sarà cambiamento rispetto agli obiettivi

La storia invece si arricchirà di nuove situazioni, inevitabilmente.
Nelle intenzioni, questo trasferimento dovrà essere definitivo, quindi dovrò fare i conti con una nuova abitazione (e più d'una, nel breve periodo) e nuovi spazi per le attività di stazione, che dovrà essere ricostruita quasi da zero, senza il mitico "stanzino" della casa di Monterotondo.
Mi muoverò in diversi luoghi e, soprattutto, ci saranno nuove persone, soprattutto quando entrerò in contatto con la sezione ARI locale. Nuove persone significa diversi modi di vedere la Radio e, sperabilmente, nuove ispirazioni.
Spero di non rimpiangere la sezione di Roma, che Giordano IK0XFD e i suoi collaboratori hanno reso, in questi ultimi anni, così ricca di attività ed occasioni.
L'Italia settentrionale è sicuramente più ricca di eventi dedicati all'elettronica e perciò ci saranno sicuramente più occasioni per "farsi venire qualche idea".
Sarà interessante, in definitiva, vedere quali saranno gli effetti di un vero e proprio "trapianto" di una passione sempre viva ma che dovrà rimettere nuove radici, incontrando, almeno all'inizio, nuove difficoltà. La storia di questo "trapianto" sarà il motore di questo blog, che non potrà mai essere uguale al primo, pur mantenendo, del primo, la passione.

1 commento:

  1. Continuo a seguirti con interesse Alberto!

    Marco IZ1DFF

    RispondiElimina